Paura di perdere peso

Paura di perdere peso

La paura di ingrassare è chiamata anche obesofobia.  È considerata una fobia specifica, ovvero un tipo di disturbo d’ansia. Avere l’obesofobia significa che una persona ha una paura anormale e irrazionale di ingrassare o diventare obesa.

Se non trattata, questa problematica può avere un impatto negativo sulle relazioni personali e portare ad un disturbo alimentare.

In questo articolo vediamo, grazie agli esperti di Area Benessere, i sintomi e le cause dell’obesofobia, guardando anche le diverse opzioni di trattamento disponibili.

Obesofobia, di cosa si tratta?

Quando una persona ha una paura estrema di ingrassare o di diventare sovrappeso, si parla di obesofobia. È più comune tra le donne, ma uomini e donne di tutte le età possono sperimentare questo problema.

Una persona con l’obesofobia spesso sperimenta una forte ansia intorno alle discussioni relative al peso, all’aumento di peso e alla bilancia. La paura di ingrassare può diventare così intensa che una persona inizia a disprezzare le persone in sovrappeso.

L’obesofobia è considerata una fobia piuttosto che un disturbo alimentare. Tuttavia, le due cose spesso coesistono. L’obesofobia è uno dei sintomi principali di molti disturbi alimentari, tra cui la bulimia e l’anoressia nervosa.

Infatti, la ricerca mostra che la maggior parte delle persone con anoressia nervosa ha un’immagine negativa del proprio corpo e una paura irrazionale di ingrassare nonostante sia sottopeso.

Sintomi

Un individuo con obesofobia spesso evita o teme di parlare dell’aumento di peso, o ha attacchi di panico se aumenta di peso.

Qualcuno con un’intensa paura di aumentare di peso può anche:• Fare troppo esercizio fisico per compensare il consumo dei pasti• Fare un uso eccessivo di lassativi o diuretici• Contare ossessivamente le calorie• Pesarsi frequentemente• Evitare di mangiare• Essere sottopeso o malnutrito

Una persona con obesofobia può sperimentare alcuni sintomi specifici quando ci si trova ad aver a che fare con l’aumento di peso o quando viene affrontato l’argomento:• Respiro corto• Battito cardiaco rapido• Tremore• Dolore o fastidio al petto• Sensazione di svenimento, giramento di testa o vertigini• Nausea o dolore addominale• Un forte bisogno di scappare

Diagnosi

Diagnosticare l’obesofobia comporta una visita con un professionista della salute mentale che ti chiederà di compilare un questionario. Verranno analizzati i sintomi e si delineerà una diagnosi.

Cause

Come molti disturbi mentali, la causa esatta dell’obesofobia rimane sconosciuta. Molti credono che sia legata all’ansia sociale e alla bassa autostima. 

Tuttavia, una fobia specifica può essere causata da vari fattori, tra cui:• Esperienze di apprendimento osservativo: si può imparare a temere certi oggetti o situazioni guardando un’altra persona, come un genitore o un fratello, che prova paura nella stessa situazione;• Esperienze passate traumatiche: una persona con la paura di ingrassare può associare l’aumento di peso ad un ricordo negativo o traumatico che ha vissuto in passato;• Apprendimento informativo: spesso i media lodano il fatto di avere un fisico magro o in forma. La ricerca suggerisce che l’esposizione ai media focalizzati sull’aspetto può peggiorare la paura di una persona di ingrassare.

Trattamento

Il piano di trattamento dipenderà dalla gravità della paura di ingrassare e se è già presente un disturbo alimentare sottostante.

L’obiettivo è quello di ridurre le percezioni negative associate all’aumento di peso e diminuire il rischio di sviluppare un disturbo alimentare.

I trattamenti includono:• Terapia cognitiva comportamentale (CBT);• Terapia di esposizione: cioè una lenta e graduale esposizione a cibi più calorici in un ambiente sicuro e controllato;• Farmaci, come ansiolitici ed antidepressivi

Se hai una fobia, sappi che non sei solo. Rivolgiti con fiducia al tuo medico, che saprà indirizzarti al professionista migliore per le tue necessità. È importante sapere che di obesofobia si guarisce e che il trattamento adeguato può ridurre significativamente i sintomi e migliorare la qualità della tua vita.

Dipendenza da cibo come uscirne

Dipendenza da cibo come uscirne

Non riesco a smettere di mangiare, come resistere alla fame nervosa?

Il problema dell’obesit? alcune volte ? correlato a quello altrettanto importante della fame nervosa, ed ? presente in circa il 50% delle persone che hanno provato a fare una dieta senza per? riuscire a portarla a termine.

Il disturbo da alimentazione incontrollata, vero nome della patologia, ? presente nel DSM 5 dal 2013, riconoscendo che la fame nervosa ? una vera e propria patologia che fa storia a se.

Disturbi alimentari, cosa sono?

Disturbi alimentari, cosa sono?

Psicologia e disturbi dell’alimentazione

I disturbi alimentati sono spesso uno dei segreti pi? intimi, che le persone tengono dentro di loro.
Sono migliaia le persone afflitte da disturbi dell’alimentazione, in particolare adolescenti e giovani donne.

In particolare, le persone appartenenti a questi due gruppi sono pi? propense a provare delle diete drastiche per mantenere i canoni di bellezza che il mondo moderno impone.

Dieta e psicologia

Dieta e psicologia

Dieta e psicologia: quando andare dallo psicologo ? necessario.

la dieta non funziona, problema psicologico, cosa fare?

A volte il vero problema di una dieta che non funziona ? nascosto dietro ad un problema psicologico, ad allora mi viene spontanea la frase “? arrivata la primavera, evviva! Uffa, ? arrivata la primavera”.

Gi?, perch? siamo in aprile e la primavera sta sbocciando, come sbocciano le telefonate ai dietisti dopo la pausa invernale che ci siamo concessi.
Sai, il Natale, il Carnevale ed ora la Pasqua con tutto quel cioccolato! Come rinunciare?